- Books -                    
La principessa Luna e il Pescatore di Perle
23.02.2004

La principessa Luna e il pescatore di perle
C?erano una volta, tanto tempo fa, un re e una regina che avevano una figla di nome Luna. Il loro regno era molto vasto. Il castello in cui vivevano si trovava su di una altura in riva al mare. Gli uomini del paese erano quasi tutti pescatori. Molti giovani, oltre che pescare pesci, andavano in cerca di ostriche perlifere. Questo lavoro era molto pericoloso ma rendeva bene e quindi i pił robusti e coraggiosi si tuffavano in acqua pił volte al giorno per raccogliere questi molluschi. Anche Marco, il figlio pił grande di Giuseppe, da anni fabbro di corte, era diventato un provetto pescatore di perle. Marco era amico della principessa Luna perchč fin da quando era bambino accpmpagnava il padre al castello del re...


Il cerchio magico
C?era una volta, tanto tempo fa, un grande regno il cui re si chiamava Reginaldo. Nel parco circostante il castello si ergeva un tempietto le cui pareti erano interamente ricoperte da migliaia di piantine di rose rampicanti dai boccioli biachi come la neve. La moglie di Reginaldo, la regina Priscilla, amava moltissimo quelle rose, tanto che, siutat dai giardinieri di corte, se ne occupava personalmente curando quei fiori meraviglioso con grande passione. Il re e la regina avevano due figli maschi. Il primogenito si chiamava Norberto e sarebbe divenuto re alla morte del padre. Norberto era un ragazzo dolce e molto sensibile amava lo studio e le arti. Tutte le ragazze del regno erano innamorate di lui...


written by Andreina Chiari Branchi www.fiabedafavola.it





 Ursula Joell Mathers is a painter and children's book illustrator living in Italy. Her artwork has been exhibited in galleries nationally and internationally, and her children's books have been published by various international publishers and have been translated into more than thirty-five languages.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

All artwork on this website is copyright and may not be reproduced or used in any way without express permission from Ursula Mathers.